fbpx
Digital Marketing Novità

Nuovi Instagram Stickers

nuovi sticker instagram

Nuovi Instagram Stickers

Continua il lavoro pro-PMI del social della fotografia

Un’idea che nasce da un problema. La maggior parte delle volte succede sempre così: da situazioni buie nascono grandi progetti, dal Covid-19 nasce quell’aggiornamento in più degli stickers di Instagram che va a favore dei piccoli e medi imprenditori, coloro che dal coronavirus hanno ricevuto il peggio che ci si potesse mai aspettare.

“Compra a km0”, “ordini di cibo” e “buoni regalo”: i nuovi stickers di Instagram sono solo alcune delle iniziative messe in campo dal colosso social per aiutare le piccole e medie imprese che in questo periodo stanno affrontando enormi difficoltà. L’evoluzione di Instagram è continua, un fermento che, giorno dopo giorno, mette a disposizione nuovi modi per essere #lontanimavicini. Dai primi adesivi, comparsi durante i giorni neri dell’epidemia, come “Challenge”, “Io resto a casa”, “Eroi in corsia” e l’ultimo arrivato, “Grazie”, oggi il social media delle foto e degli influencer passa ai fatti. I piccoli e medi imprenditori hanno bisogno di fatturare e, con la chiusura delle attività commerciali, nonché con la paura di ritornare ad una vita normale che, giustamente, si presenterà una volta che sarà decretato il “libera tutti”, c’era bisogno di una azione significativa, qualcosa che potesse dare una mano in una situazione così difficile.

Ecco i nuovi stickers Instagram

Compra a km 0

È arrivato da pochi giorni e già è super utilizzato. L’adesivo “Compra a km 0” è un ulteriore elemento da poter inserire nelle stories Instagram. Il suo obiettivo? Beh, assolutamente quello di taggare il locale che ti ha portato cibo a domicilio o dal quale hai ritirato il tuo pranzo d’asporto. Dal 4 maggio, infatti, bar, ristoranti e pizzerie hanno la possibilità di fornire il servizio da asporto.

Ordina quello che più ti piace, fai una storia e pubblicala su Instagram utilizzando lo sticker “Compra a Km 0” e tagga il locale dal quale ti sei servito.  Così come accadeva inizialmente per lo sticker “io resto a casa”, tutte le storie con lo sticker “Compra a km 0” vengono raggruppate in un’unica storia insieme a tutte quelle degli utenti che segui e che lo stanno utilizzando. Visualizzandola potrai scoprire tutte le storie in cui i tuoi amici o chi segui hanno aggiunto questo sticker.

instagram sticker compra a km 0
instagram sticker compra a km 0
instagram sticker compra a km 0
Ordini di cibo

Pubblicizzare il ristorante o la pizzeria dal quale ti sei servito per la tua cena e… non solo! Grazie allo sticker “Ordini di cibo” è possibile ordinare cibo da asporto su Instagram, direttamente dalle storie di Instagram. L’acquisto può essere effettuato tramite il pulsante “Ordina cibo” nei profili Instagram dei ristoranti o attraverso l’adesivo “Ordini di cibo” che compare nelle storie. L’acquisto finale sarà gestito da sito o app di partner esterni che si occupano di pagamenti e consegne, come JustEat.

Buoni Regalo

Saremo anche tutti ancora chiusi a casa, o comunque costretti a mantenere le distanze dalla maggior parte delle persone che hanno da sempre fatto parte della nostra vita, e che come ogni anno festeggiano il proprio compleanno, ma di certo non possiamo resistere dal far sentire la nostra vicinanza anche solo con un piccolo pensiero. Ma ci pensa Instagram, anche a questo, con il nuovo sticker “Buoni regalo”. Anche in Italia si possono finalmente acquistare buoni regalo o gift card dalle attività locali preferite, tra cui ristoranti, palestre, saloni di fitness, saloni di bellezza, librerie, panetterie e altro ancora. Il pagamento dei buoni regali è effettuato attraverso siti partner, Square e Kabbage.

Anche questo magnifico sticker si presenta non solo come una opportunità di sostegno economico alle piccole imprese, ma anche come un modo per sentire vicino chi ancora non abbiamo la possibilità di vedere e abbracciare dal vivo.

Insomma…

Non potremmo ancora sorseggiare il caffè dalla tazzina e arrabbiarci se magari la troviamo sporca del rossetto di qualcun altro, e nemmeno lamentarci di una pizza arrivata fredda al tavolo o di una birra spillata male, calda, che sa di nulla, proprio come quel vino che hai fatto rimandare indietro qualche tempo fa, però possiamo provare a vivere una vita normale nell’anormalità. E questo grazie ai social media. Avreste mai pensato di doverli ringraziare un giorno?

Grazie!

Se sei un imprenditore e stai cercando, anche tu, di destreggiarti tra i tanti strumenti social per promuovere la tua azienda e i tuoi prodotti o servizi, non esitare a contattarci!

Rispondi