fbpx
Marketing

Instagram per il Covid 19

Instagram per il Covid 19

Nuovi stickers e funzioni

Si parte con la lotta alle fake news e la diffusione di messaggi di incoraggiamento. Anche Instagram risponde al coronavirus combattendo disinformazione e tristezza con nuovi stickers e nuove funzioni, sempre più teso a sostenere chi è chiuso in casa.

Da quando, con il Decreto #iorestoacasa, tutta Italia è diventata zona rossa, protetta. Dal 9 marzo 2020 i provvedimenti presi dal governo italiano non hanno significato solo la presa di coscienza del tanto nominato “distanziamento sociale”, ma anche del numero di positivi, costretti in terapia intensiva e deceduti che è aumentato di giorno in giorno. Tra chi si è ritrovato in casa totalmente da solo e chi, invece, in una casa troppo affollata, l’unica via d’uscita in entrambi i casi sono stati proprio i social network. Non solo come amici leali tramite i quali poter condividere stati d’animo e momenti della giornata, ma anche come consiglieri e promotori di messaggi di speranza. Anche Instagram ha deciso così di fare la sua parte, di dire la sua, e lo ha fatto in tanti modi differenti.

Scontro aperto tra Instagram e Fake News

Con oltre un miliardo di utenti attivi all’inizio del 2020, i numeri di Instagram sono da capogiro. Come pubblicato nelle ultime ricerche ad opera di Hootsuite, Instagram conta oltre 500 milioni gli utenti che quotidianamente caricano contenuti nelle stories, il 63% dei quali vi accede almeno una volta al giorno per, all’incirca, 28 minuti. Quale posto migliore per incalzare la discussione contro le fake news?

Sin dall’inizio dell’epidemia, la disinformazione si è fatta velocemente strada sui social. Presunte terapie fai da te, consigli medici sospetti, appelli e call to action fuorvianti, notizie discordanti addirittura circa la pulizia degli animali da compagnia. Un mezzo di comunicazione e intrattenimento come Instagram non poteva esimersi dal difendere a spada tratta i propri “ospiti” mettendo in atto una pulizia completa degli account che si facevano promotori di queste informazioni. Tutti i messaggi ritenuti falsi sono infatti stati eliminati dalla pagina “Esplora” nonché penalizzati, se ancora presenti, su feed e storie.

Il lavoro di Instagram a favore di una comunicazione chiara e pura si vede sin da subito, facendo una semplice ricerca. Basterà infatti digitare la keyword coronavirus per vedere comparire un messaggio molto chiaro:

Qui ogni utente può decidere se essere reindirizzato direttamente sul sito web salute.gov.it per ricevere le informazioni ufficiali circa la pandemia.

Rimanere a casa secondo Instagram: #iorestoacasa, Eroi in Corsia e Donazioni

Tutti uniti, tutti a casa, con i nuovi stickers per le Instagram Stories. A partire da #iorestoacasa, passando per lo sticker dedicato a tutti gli operatori sanitari che lottano ogni giorno contro il coronavirus, fino alla possibilità di sostenere e condividere nelle proprie stories lo sticker dedicato alle donazioni.

 

#iorestoacasa è stato ed è sicuramente lo sticker più utilizzato da quando ci siamo ritrovati chiusi tra le 4 mura domestiche. Inizialmente concepito come una storia sempre in primo piano che raccogliesse tutte quelle sul tema, aggiornandosi continuamente con le stories dei nostri follower che hanno utilizzato lo sticker, oggi sembra visibile solo ed esclusivamente come sticker. È stato comunque affiancato da tanti validi aiutanti, tutti con un unico obiettivo: divertirci e fare in modo di renderci portatori di un giusto messaggio per tutti, quello di restare a casa per la nostra incolumità e quella degli altri. E il fine ultimo è ben noto: non affollare gli ospedali già sotto pressione, dove operano i nostri “Eroi in Corsia”.

Molto importante anche lo sticker Donazione utilizzabile cliccando sempre tra gli adesivi presenti nelle storie. Tramite questo sarà possibile fare una donazione immediata ad un ente impegnato nella lotta contro il Covid-19, come l’UN Foundation, Unicef, Croce Rossa e così via.

 

Sarà un modo diverso di dirlo, dove non sono le parole a farsi avanti, ma i fatti, e le foto, eppure il mondo di Instagram lo sta gridando forte e chiaro: condividiamoci e facciamoci forza, che ora più che mai tutto il mondo è paese. 

Rispondi